Il vero volto del nichilismo

Nietzsche ritratto da Munch (1906)

Nietzsche ritratto da Munch (1906)

La via d’uscita dal nichilismo è il titolo del nostro blog. Ma per riuscire nell’impresa, peraltro già compiuta da un’esigua avanguardia, è necessario vedere bene ciò da cui bisogna uscire. È necessario guardarlo in faccia, a viso scoperto, perché il nulla per apparire è sempre mascherato. I suoi travestimenti sono tanti. Ne cito alcuni fra i più subdoli, perché sembrano indicare il suo contrario: nella filosofia l’Eternismo di Emanuele Severino e il Pensiero debole di Gianni Vattimo; nella società dei nostri giorni, il relativismo, il buonismo, il multiculturalismo.

Su ciò che è già apparso nel nostro blog, la vera identità del nichilismo tuttavia c’è, ma forse non è ancora chiara e distinta, o non è isolata rispetto al resto per cui fa solo capolino nel totale e si confonde con esso: un buco nero in mezzo ad altre cose. Andiamo perciò a fare zoom per rilevare la sua natura più profonda.

Cos’è davvero il nichilismo?
Si chiama tramonto del giorno e poi notte la luce del sole che pian piano svanisce e poi scompare seguendo la fonte che l’ha generata; e ha nome tramonto dell’Occidente e poi nichilismo anche la luce dell’Essere che compie lo stesso giro e si scioglie e scompare nello stesso modo. Sembra anzi che le due siano una sola e che muti soltanto il nostro modo di guardarla: il sole con gli occhi di carne che abbiamo sulla faccia, l’Essere con quelli della mente se sono aperti e funzionanti.
A questo punto sorgono però difficoltà e limitazioni: perché mentre la luce del sole tutti la vedono – sono esclusi solo i ciechi dalla nascita –, per l’altra s’invertono le parti. Solo pochissimi l’hanno colta e colgono con sensi che assomigliano alla vista, gli altri non hanno ancora occhi che si aprono o riescono a sostenerla. Oppure quella luce appare loro solo riflessa sul mondo e le sue cose, e in tale veste si chiama ragione e così viene usata normalmente. Ma di essa non conoscono la provenienza e perciò non sanno davvero cos’è.

Oltreché da pochissimi, l’Essere è stato visto soltanto in momenti particolari: nell’Aurora di venticinque secoli fa, e nello spazio aperto da quella luce è sorta la civiltà greca, diventata poi Occidente; poi nel Tramonto della stessa, le cui prime avvisaglie si sono fatte sentire circa due secoli fa.
Hanno visto l’Aurora i sapienti che hanno preceduto i filosofi, Eraclito e Parmenide i più acuti. Hanno percepito l’Essere nel Tramonto e l’hanno seguito nella Notte in molti: poeti, scrittori, filosofi. Hölderlin, Schopenhauer, Leopardi, Nietzsche, Spengler, Freud, Kafka, Mann, Benn, Freud, Heidegger, Jünger, alcuni dei più grandi.

Il Tramonto dell’Essere ha posto fine alla filosofia del Giorno, quella che va da Socrate a Hegel, e ha aperto il cammino della Notte. Quest’ultimo l’ha iniziato Schopenhauer; Heidegger e Jünger sono giunti fin sulla linea di Mezzanotte o linea zero. Poi il passaggio sopra l’Abisso e l’arrivo sull’altra sponda, dove ha inizio il nuovo Giorno, ma questa è ancora notizia appena sussurrata.
Nello spazio luminoso che s’apre dopo la Tenebra dovrebbe cominciare una nuova civiltà se molti riusciranno ad attraversare.

P.S.
La più subdola forma di nichilismo, perché mascherata nel suo contrario, l’ha inventata ai nostri giorni Emanuele Severino, il filosofo di casa nostra tanto lodato e premiato. Essere, per lui, anziché il Giorno illuminante visto da Parmenide nell’Aurora di venticinque secoli fa, e da Heidegger ed altri nel Tramonto, è diventato il mondo e le sue cose. Prima, invece, era soltanto “ciò che appare ai mortali”, illuminato da quella luce diurna.
Per riuscire in quest’intento, Severino ha operato così: ha tolto all’Essere le sue determinazioni, vale a dire eternità, immutabilità, immobilità, e le ha assegnate, appunto, al mondo. Così dell’Essere non è rimasto nulla. La morte di Dio, gridata da Nietzsche più di cent’anni fa, ha ricevuto per sua mano il sigillo della filosofia accademica.
Il risultato si chiama nichilismo diventato condizione normale.

Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: